Inquietudine migratoria

Lingua:
Italiano
Sottotitolo:
Le radici profonde della mobilità umana
Area:
PARTECIPARE come cittadinanza attiva
Tipologia
Incontro con l'autore -- in collabroazione con MUSE - Museo delle Scienze Contatti: Stefano Rossi, stefano.rossi@tcic.eu, 0461 093021 - Francesco Rovero, francesco.rovero@muse.it, 0461 270374
Descrizione Costo
Gratuito
Modalità d'iscrizione
Partecipazione libera fino ad esaurimento posti
Sede: MUSE, Sala Conferenze, Corso del Lavoro e della Scienza 3, Trento
Metodologia
Intervengono
Guido Chelazzi, Università di Firenze, autore del libro "Inquietudine migratoria", Carocci Ed., 2016
Gabriel Echeverria, Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale, esperto di processi migratori
Modera Enrico Rossi, MUSE
Descrizione evento
La rilevanza che i fenomeni migratori hanno assunto nel discorso pubblico e politico nella vita di gran parte della cittadinanza non sempre è accompagnata da adeguate conoscenze. L’apporto delle scienze può aiutare a comprendere meglio la complessità di questi eventi così cruciali per il nostro tempo, in modo da poterli approcciare con spirito aperto e lungimiranza. Poiché le radici di questo fenomeno affondano nella storia dell’uomo, per comprendere la situazione di oggi è necessario fare un passo indietro. "Inquietudine migratoria", attraverso lo studio delle antiche migrazioni umane fra preistoria e storia, condotto con gli strumenti della paleoclimatologia, dell’antropologia, dell’archeologia e della genetica, mostra l’intreccio di fattori ambientali e culturali che hanno spinto l’umanità a muoversi fin dalle sue origini e offre una prospettiva diversa e più oggettiva per comprendere anche le drammatiche espressioni della migrazione contemporanea.
Data Scadenza Iscrizioni
Responsabile Corso
Zanon Paola